ASUS TUF VG27AQ recensione con test

ASUS TUF VG27AQ – RECENSIONE

Ultimo aggiornamento:
8.8
Voto
Vedi il prezzo

Eccoci alla recensione del monitor da gaming ASUS TUF VG27AQ. ASUS è uno dei leader del settore dei monitor da gaming e il suo marchio TUF è specializzato in prodotti “economici” dedicati a noi giocatori. Questo è un monitor con risoluzione 2560 X 1440, detto anche 2k, dotato di pannello IPS, HDR10, refresh rate nativo di 144Hz e di tecnologia ELMB-Sync che consente l’utilizzo in contemporanea della riduzione del motion blur (sfocatura) e dell’adaptive sync, cosa solitamente non possibile

La serie TUF è stata creata per coprire la fascia economica (ma non troppo) del mercato gaming per differenziarsi dalla linea ASUS ROG che invece si occupa di prodotti di fascia alta. Benché si tratti di un prodotto TUF troviamo caratteristiche di prim’ordine, adatte ai giocatori più esigenti e di fatti, il prezzo non è nemmeno così economico, 545€ su amazon.

ASUS TUF VG27AQ

ASUS TUF VG27AQ: Specifiche Tecniche

PRODUTTOREASUS
MODELLOTUF VG27AQ
DIMENSIONI62 x 37,7 – 50,7 x 211 CM
SCHERMO27 POLLICI
RISOLUZIONE2560 x 1440
PANNELLOIPS
RETROILLUMINAZIONELED
REFRESH RATE144HZ – 165hz OVERCLOCCATO
VARIABLE SYNCADAPTIVE SYNC, CERTIFICATO G-SYNC
SYNC RANGEHDMI: 40 – 144HZ DP: 40-165HZ
RESPONSE TIME4ms G2G – 1ms MPRT (ELMB )
PORTE1x DisplayPort 1.2a – 2x HDMI 2.0 – 1x USCITA AUDIO
LUMINOSITA’350cd/m2
CONTRASTO1000:1
REGOLAZIONE ALTEZZA0-13 cm
INCLINAZIONE MONITOR+35° -5° – RITRATTO – ROTAZIONE
Monitor gaming ASUS TUF VG27AQ lato

ASUS TUF VG27AQ: DESIGN

Il design dell’ASUS TUF VG27AQ è abbastanza standard. Non abbiamo colori sgargianti o LED che illuminano il nostro monitor. La base esagonale è la stessa che abbiamo visto nei monitor ASUS gaming e TUF degli ultimi due anni. La base risulta molto stabile e anche se sembra ingombrante rispetto ai modelli di AOC o ACER, è più funzionale e ordinata rispetto alle tre gambe.

Il supporto verticale è collegato alla base tramite il classico “vitone”. Al centro della base abbiamo una sezione rotonda con un contorno rosso e delle linee che indicano i gradi di rotazione del monitor verso destra o sinistra. Il VG27AQ può essere regolato anche in altezza, con un range di 13 cm ma per una persona alta potrebbe risultare basso in quanto il bordo superiore al massimo dell’altezza raggiunge solo i 50CM. Tra le varie regolazioni, abbiamo anche la rotazione verticale che permette di mettere il monitor in posizione ritratto.

Il montaggio del monitor è molto semplice. Il vitone blocca velocemente la base al supporto verticale, il quale si incastra senza bisogno di avvitare viti nel monitor.

ASUS TUF VG27AQ bordi sottili

Il retro del monitor lascia abbastanza indifferenti, non c’è niente degno di nota se non i pulsanti per la gestione del menù OSD (On Screen Display) e un “joystick” per muoversi all’interno dell’OSD. I pulsanti e il joystick risultano comodi e funzionali. Nella parte inferiore del retro del monitor troviamo la zona di connessione con una presa Display Port 1.2a, due prese HDMI 2.0 e una uscita audio. Il monitor non è dotato di prese USB.

ASUS TUF VG27AQ connessioni

Guardando l’ASUS TUF VG27AQ frontalmente notiamo che la cornice laterale e quella superiore sono relativamente strettea anche se non di certo frameless, di fatti è larga 8 mm, ai quali aggiungiamo circa 2 mm di bordo interno del monitor. Nella parte inferiore abbiamo 15mm di cornice e poco meno di 2 mm di bordo interno. Sul lato destro del monitor troviamo gli indicatori dei pulsanti OSD.

Il monitor ha un look sobrio, adatto a qualsiasi ambiente lavorativo, se siete amanti dei colori sgargianti e dei led resterete delusi dal look “normale”. Il monitor viene fornito con un cavo DP e un cavo HDMI 2.0 oltre a quello AC/DC.

ASUS TUF VG27AQ base

ASUS TUF VG27AQ: CARATTERISTICHE

L’ASUS TUF VG27AQ è un monitor da gaming da 27 pollici con risoluzione WQHD 2560×1440 detta anche 2k. Il monitor è dotato di un pannello IPS, con un refresh rate di 144HZ che può raggiungere tramite overclock i 165Hz. L’overclock è una funzione del menù interno del monitor e lo si può attivare facilmente e attivandolo non abbiamo riscontrato alcun problema durante queste settimane di test.

I pannelli IPS offrono una riproduzione dei colori ottimale e un tempo di risposta che normalmente si aggira attorno ai 4ms. ASUS grazie alla tecnologia ELMB (Extreme Low Motion Blur), riesce a ridurre ulteriormente il tempo di risposta raggiungendo 1ms. Questo processo avviene tramite l’utilizzo di una luce a strobo che illumina a intermittenza il pannello e inserisce un fotogramma nero tra due frame colorati. Questo riduce la sfocatura delle immagini e rende il gioco più nitido anche nelle scene più frenetiche.

ASUS non è l’unica a implementare la soluzione ELMB per la riduzione del tempo di risposta nei monitor IPS, ma quello che solitamente avviene è che la tecnologia EMLB e quella di sync (Adaptive sync o G-Sync) non possono funzionare contemporaneamente. Con la tecnologia ELMB-Sync di ASUS questo problema non c’è in quanto le due tecnologie funzionano contemporaneamente grazie a un chip creato appositamente da ASUS il quale elimina l’incompatibilità delle due tecnologia e risolve così sia il problema del blur che quello dello screen tearing.

ASUS TUF VG27AQ monitor gaming recensione

G-SYNC E FREESYNC

Lo schermo supporta AMD FreeSync per frequenze di aggiornamento variabili tra 40 e 144Hz tramite HDMI, o 40 – 165Hz tramite DisplayPort l’opzione di overclock abilitata. Il VG27AQ non è certificato FreeSync 2, nonostante includa anche il supporto LFC e accetti un segnale di ingresso HDR. Il FreeSync è supportato con le connessioni DisplayPort e HDMI, permettendo allo schermo di essere compatibile con le schede grafiche AMD Radeon (e le moderne schede NVIDIA con G-sync) così come le future console next gen con supporto per l’adaptive sync..

Il VG27AQ è stato anche ufficialmente certificato da NVIDIA come “G-sync compatibile“, in modo da poterlo utilizzare con schede grafiche NVIDIA con frequenza di aggiornamento variabile. Il monitor supporta il Refresh Rate variabile G-Sync solo tramite DisplayPort.

Come abbiamo appena detto, il VG27AQ è dotato di G-Sync. In questo caso si tratta di compatibilità con il G-sync e non di G-Sync nativo. Non che vi sia una grande differenza tra le due cose in termini pratici durante il gioco, ma è bene sottolinearlo.

HDR 10

Lo schermo può ricevere un segnale d’ingresso HDR10 ma non ha capacità di regolazione della luminosità localizzata (local Dimming), quindi non può offrire una gamma dinamica veramente migliorata. Ha una luminosità di picco inferiore a 400 cd/m2, quindi non ha nemmeno la certificazione HDR400. Inoltre non offre una gamma cromatica estesa o una profondità di colore a 10 bit, quindi nel complesso non c’è una reale supporto per l’HDR.

ASUS TUF VG27AQ: OSD

L’OSD (On Screen Display) è controllato quasi interamente attraverso un unico joystick sul bordo posteriore destro dello schermo. Oltre al joystick troviamo tre pulsanti che consentono di accedere rapidamente a determinate impostazioni, tra cui il menu GamePlus (mirino, timer, contatore FPS, ecc.) e il menu di preselezione della modalità GameVisual. Per navigare nel menu principale si utilizza un joystick che risulta abbastanza comodo, anche se abbiamo visto di meglio.

Il menù interno del monitor è suddiviso in tre colonne e 8 sezioni. Ogni riga selezionata permette di navigare all’interno della seconda colonna per scegliere le funzioni da modificare le quali opzioni appaiono nella terza colonna.

ASUS TUF VG27AQ game visual

ASUS TUF VG27AQ: FUNZIONALITA’

ASUS come sempre, oltre a pensare all’aspetto hardware cura molto il lato software aggiungendo delle funzionalità “gaming” più o meno utili ai loro monitor. Nel caso del TUF VG27AQ troviamo le seguenti opzioni:

 

ShadowBoost
La tecnologia ASUS Shadow Boost schiarisce le aree scure del gioco senza sovraesporre le aree più chiare, migliorando la visione d’insieme e rendendo anche più facile individuare i nemici nascosti nelle aree scure della mappa. Questo è quello che afferma ASUS, onestamente non ho notato tutti questi vantaggi in gioco e i colori in generale ne risentono.

GamePlus
Nel menù Gameplus troviamo alcune interessanti funzioni come il contatore FPS, i mirini colorati aggiuntivi, la funzione di allineamento schermo, il conto alla rovescia che ci evita di arrivare tardi a lavoro o dalla fidanzata/o e per ultimo la modalità cecchino, che “zoomma” un riquadro di circa 3cmx3cm al centro del monitor per permetterci di colpire con maggiore precisione quando usiamo lo sniper.

Gamevisual
Gamevisual ofre 7 modalità preimpostate per il gioco che possono essere personalizzate e utilizzate se lo si desidera. Tra le modalità troviamo: Racing, MOBA, Cinema, RTS/RPG, FPS sRGB, Scenario. In base alla modalità scelta avremo colori più vivaci, ombre meno scure e una immagine complessiva differente, ottimizzata per il tipo di gioco. Non tutte sono valide.

ASUS TUF VG27AQ gameplus

ASUS TUF VG27AQ: QUALITA’ IMMAGINE

Chi sceglie un pannello IPS lo fa per la qualità delle immagini migliore rispetto ai più veloci TN. Nel caso dell’ASUS TUF VG27AQ sistemando un po’ le impostazioni del monitor si ottiene una riproduzione dei colori molto soddisfacente. Tralasciando le modalità presalvate nel monitor, che tendono tutte a non riprodurre fedelmente i colori, si possono ottenere ottimi risultati sia per chi cerca un monitor da gaming, ma anche per chi si occupa di editing video e foto a livello semiprofessionale.

L’ASUS VG27AQ offre una gamma di colori di 16,7m e una profondità da 8 bit. La qualità dell’immagine durante il gioco risulta molto buona. I colori vividi e la risoluzione a 1440p offrono una esperienza di gioco completamente differente dai classici TN 1080p. Ovviamente vi serve una buona macchina per riprodurre i 144 o 165 FPS che potenzialmente può supportare questo monitor.

Come detto precedentemente l’HDR che non apporta un granché e la profondità del colore a 8 bit fanno si che questo monitor non sia considerato “premium” ma per il gaming la qualità dell’immagine resta comunque decisamente buona.

Il rivestimento antiriflesso dello schermo è molto leggero. Non è un rivestimento granuloso come alcuni pannelli IPS che rovinano l’immagine e non è nemmeno una pellicola lucida. Il rivestimento svolge discretamente la sua funzione, offrendo un buon bilanciamento tra antiriflesso e qualità della immagine.

ASUS TUF VG27AQ test warzone

Bleeding, Clouding e pixel bruciati

Sappiamo bene che la gente non dorme pensando al bleeding e al clouding del proprio monitor, per questo non potevamo non testarlo e riportarlo. Abbiamo così attivato la nostra immagine full screen 100% nero e verificato il comportamento del nostro monitor.

Il pannello in nostro possesso presentava un leggerissimo clouding agli angoli del monitor, il chiarore che si propagava per qualche centimetro non era troppo rimarcato e in gioco difficilmente lo abbiamo notato.

Per quanto riguarda il bleeding, cioè le fuoriuscite di luce dai lati del monitor, non ve ne erano.

Il nostro modello non aveva pixel bruciati, ma questo può variare da unità a unità. Ovviamente un sample per le recensioni potrebbe aver avuto un maggior controllo rispetto a uno per il mercato. Diciamo che il potenziale per essere un monitor senza difetti c’è, il tempo ci dirà quanti di questi monitor presentano clouding e bleeding. Vi ricordo che potete sempre sostituire un monitor con pixel bruciati, clouding o bleeding troppo rimarcati, ma scegliete il venditore giusto.

ASUS TUF VG27AQ BLEEDING E CLOUDING

Angoli di visualizzazione

Gli angoli di visualizzazione dello schermo sono molto buoni, come ci si aspetterebbe da un pannello di tipo IPS. Spostandosi lateralmente si nota una variazione nella di tonalità del colore molto ridotta. Variando verticalmente l’angolo di visione l’immagine risultava leggermente più scura, tutto sommato un risultato molto buono come previsto.

Monitor ASUS TUF VG27AQ ritratto

ASUS TUF VG27AQ: PRESTAZIONI

Ovviamente quando si parla di monitor da gaming uno dei fattori più importanti sono le prestazioni in gioco. Abbiamo testato il VG27AQ su Apex Legends, PUBG, Overwatch e America’s Army PG. Giochi differenti tra loro, alcuni molto veloci con ampi spazi aperti, altri più lenti con spazi ristretti e differenti giochi di luce.

Abbiamo subito overcloccato il monitor a 165Hz per vedere se vi fossero degli artefatti durante il gioco, attivato ELMB e disattivato il g-sync sulla nostra 2070 super e sul monitor (si, quando giochiamo online, non usiamo il g-sync). La funziona ELMB funziona come da descrizione, il tempo di risposta “più basso” fa si che le immagini siano nitide. Anche durante i momenti più concitati su Apex legends, non ho notato sfocature. I contorni risultavano definiti e i russi sul server mi uccidevano come sempre. Non so se ve l’ho già detto, ma questo monitor non migliorerà le vostre prestazioni in game…

Per quanto riguarda le modalità di gioco gamevisual, onestamente non ci siamo. Queste impostazioni non sono un granché, alcune stravolgono completamente i colori in gioco, non ricordo esattamente quale, ma ce n’è una che trasforma PUBG in Fortnite… Le modalità MOBA e FPS sono forse le due migliori da usare in gioco.

ASUS TUF VG27AQ test apex legends

ELMB-Sync

L’innovazione portata da questo monitor però risiede nella combinazione G-Sync e ELMB. Attivando le due modalità abbiamo notato un calo della luminosità del monitor, luminosità che però rimane sempre gestibile tramite il menù interno del monitor a differenza di altri monitor che impongono una luminosità ridotta per funzionare in modalità ELMB. In modalità ELMB-Sync il gioco risultava fluido e senza sfocature e nessun segno di screen tearing.

Impostando il refresh rate del monitor e del gioco a 60HZ abbiamo notato un peggiore funzionamento dell’ELMB-Sync, le immagini risultavano più sfocate rispetto a 165Hz. Quindi se non avete un PC in grado di riprodurre un numero elevato di FPS in gioco a 1440P potrebbe essere meglio non usare la funzione ELMB-Sync

ASUS TUF VG27AQ test overwatch

ASUS TUF VG27AQ: PREZZO

Il prezzo dell’ASUS TUF VG27AQ oscilla tra i 525€ e i 575€. Consiglio sempre, per quanto riguarda i monitor, di affidarsi a rivenditori con chiare e semplici politiche di reso in quanto, clouding, bleeding e pixel bruciati sono all’ordine del giorno e purtroppo in ogni fascia di prezzo.

Ultimo aggiornamento 2020-06-10

QUALITÀ IMMAGINE9
PRESTAZIONI9.3
DESIGN8.5
QUALITÀ COSTRUTTIVA9
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO8
Voto dei lettori0 Votes0
Ci piace
Qualità d'immagine e prestazioni insieme.
Basso imput lag
ELMB funziona bene senza creare artefatti
Non ci piace
Per alcuni potrebbe essere basso
Non adatto alle console
8.8
Voto
Conclusione
Un monitor completo, che offre qualità di colori e prestazioni adatte sia al lavoro che al gaming competitivo.
Vedi il prezzo