driver cuffie gaming

Driver cuffie: Cosa sono e perchè sono importanti nell cuffie da gaming

Ultimo aggiornamento:

Se siete giunti a questa pagina probabilmente volete acquistare delle cuffie e vi state chiedendo cosa è il driver delle cuffie e come influiscono sulla qualità del suono delle nostre cuffie da gaming e non.

I drivers sono una delle parti più importanti delle nostre cuffie perché da loro dipende la qualità del suono. Difficilmente ne vedrete uno a meno che non decidiate di smontare il vostro headset per curiosità o per sostituire i padiglioni usurati.

Quando scegliamo il nostro nuovo modello di cuffie da gaming è meglio sapere le varie tipologie o quantomeno conoscere la funzione che hanno e cosa cambia in base alla loro dimensione.

Quando le compagnie produttrici di cuffie da si riferiscono ai driver, si riferiscono a quella parte della cuffia che effettivamente emette il suono. Questo è in genere un sottile componente a forma di disco situato all’interno dei padiglioni delle nostre cuffie.

I driver ricevono la corrente elettrica che viaggia dalla sorgente sonora attraverso il cavo delle cuffie e la trasformano in suoni trasmettendoli attraverso il movimento dell’aria che essi stessi generano quando riproducono i suoni.

driver auricolari

Driver: Quanto devono essere grossi?

Le dimensioni del driver possono variare significativamente a seconda del tipo di supporto in cui vengono utilizzati e a seconda anche della qualità delle cuffie. I driver più piccoli misurano 6-12 mm e sono quelli che troviamo all’interno degli auricolari (in-ear), mentre nelle cuffie sovrauricolari (over-ear) troveremo drivers decisamente più grandi 30-100 mm.

E’ abbastanza diffusa la teoria che un driver più largo equivalga a una maggiore qualità del suono e a bassi più coinvolgenti, ma non è sempre così. Mentre il basso effettivamente può essere un pò più chiaro, la dimensione non è garanzia di un basso più potente a causa della dimensione maggiorata del diaframma del driver.

Un driver molto grande può avere difficoltà a riprodurre le frequenze alte a causa del fatto che ha più probabilità di deformarsi per via della sua dimensione e quindi di riprodurre alti distorti. Difficilmente questo capita con le cuffie da gaming che non vanno oltre i 50mm di diametro.

Quindi la dimensione del driver da sola non è un buon indicatore a cui fare riferimento durante la scelta delle cuffie. Ci sono molti aspetti da tenere in considerazione che la dimensione dei driver resta in secondo piano.

È molto più illuminante osservare i diversi tipi di driver e capire di cosa sono fatti. Conoscerli ti darà un’idea migliore di come suoneranno un paio di cuffie. Questo è un argomento molto lungo e cercherò di riassumerlo.

 

Tipologie di Drivers

Quando si parla di driver solitamente ci si riferisce alle quattro tipologie più diffuse sul mercato, che sono:

Driver dinamici

I driver dinamici sono il tipo più comune. Li troverai in quasi tutte le cuffie on-ear e molte over-ear, la maggior parte delle migliori cuffie da gaming utilizza questa tipologia. Tendono a essere più grandi e, di regola, sono in grado di produrre bassi più efficaci, sebbene possano mancare di sottigliezza.

driver dinamici
driver dinamici

Driver magnetici planari

I driver magnetici planari, sono leggermente diversi dai driver dinamici. Creano il suono usando un campo elettromagnetico e sono famosi per essere ariosi e sottili.

Solitamente questo tipo di driver offrono un suono estremamente preciso, riproducendo la musica in maniera più veritiera e pulita, senza troppi toni aggiuntivi. Normalmente le cuffie che utilizzano questo tipo di driver costano di più delle cuffie con driver dinamici.

Driver planari magnetici
Driver planari magnetici

Driver con armatura bilanciata

I driver con armatura bilanciata si trovano più comunemente negli auricolari. Sono una soluzione a un problema particolare, ovvero che i piccoli driver (come quelli che devono essere inseriti direttamente nel condotto uditivo) non spostano molta aria, aria che costituisce il suono che arriva al timpano.

Invece di un singolo driver su ciascun lato, molti auricolari avranno più driver di armatura bilanciati, che consentono loro di muovere l’aria e far giungere a destinazione il suono.

Driver elettrostatici

Infine, ci sono i driver elettrostatici, che utilizzano un diaframma che è stato caricato elettricamente. Le cuffie che usano questi sono super-costose, pignole e richiedono amplificatori specializzati per funzionare.

Quasi sicuramente non li troverai mai in cuffie economiche ne tanto meno da gaming. Questi suonano in modo brillante, con un’incredibile accuratezza.

Quali sono i migliori driver per giocare?

Concludendo possiamo dire che per quanto riguarda il settore delle cuffie da gaming, la gamma dei driver è piuttosto limitata e solitamente il tipo di driver installato è quello dinamico.

Come buona regola quando acquistiamo delle cuffie si scelgono  dei modelli che offrano driver dinamici o magnetici planari, entro i 40/60mm di diametro per evitare di avere dei Driver che siano troppo piccoli e che quindi scarseggino sui bassi ne tanto meno troppo grandi e vadano a distorcere gli alti.

Seguire questa regola non vi garantisce un buon audio, ci sono molti altri fattori oltre ai driver, ma combinando le nostre guide con un pò di ricerca avrete maggiori possibilità di trovare delle buone cuffie da gaming.

Siete alla ricerca di cuffie da gaming? Consultate le nostre guide  agli acquisti: