Philips Momentum 329M1RV/00: Recensione

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione
Voto dei lettori0 Votes
0
8.7
Voto
Vedi il prezzo

La ricerca del giusto compromesso prosegue con il Philips Momentum 329M1RV/00. Questa recensione la possiamo considerare quasi come una seconda parte, vista la nostra precedente esperienza con il MOMENTUM 558M1RY. Cambiano le dimensioni ma la sostanza è sempre più che buona. L’azienda olandese prosegue con la sua filosofia della linea dedicata al gaming, concentrandosi sulle console di nuova generazione. La partnership tecnologica con Microsoft le consente di fregiarsi di un riconoscimento “pesante” con il suo Designed for Xbox.

La next gen di casa Redmond non strizza l’occhio al primo che capita e questo vale già come bigliettino da visita. Servono cavalli sotto il cofano per far viaggiare all’unisono console e monitor, con la sfida dei 120Hz che apre numerosi e nuovi scenari in termini di fruizione del medium. Iniziamo subito con il dire che il Philips Momentum 329M1RV/00 supporta queste frequenze anche in 4K e in connessione HDMI 2.1. Nel pandemonio di offerte attuali, non è facile filtrare chi realmente è in grado di offrire i desiderati 4K/120 senza prezzi esagerati. Philips alza il ditino per dire “Io ci sono”, forte di tutti questi anni investiti in ricerca e sviluppo.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

Il 32”, a differenza del 55”, rappresenta il giusto compresso. Non parliamo di un supporto da salotto ma di un pannello che fa il suo lavoro su una scrivania e/o nella camera di un gamer. La sua natura ibrida lo eleva dal suo essere “solo” un monitor, vista la presenza di un impianto audio DTS (e che impianto) firmato da Bowers & Wilkins. Insomma, come inizio va più che bene, anche se i numeri stanno a zero se poi non si affronta una prova sul campo come si deve.

Per vostra fortuna, siamo malati di prove sul campo, e in passato ve ne abbiamo dato ampia dimostrazione. Abbiamo “spremuto” il Philips Momentum 329M1RV/00, provandolo sia con Xbox Series X che PS5. La console war è stata combattuta su un campo di battaglia grande 32”, spaziando tra FPS (Call of Duty Vanguard), SIMS di corsa (Forza Horizon 5) e titoli di azione pura (Marvel’s Spider-Man). Dateci, però, il tempo di spiegare il potenziale di questo nuovo monitor. Il meglio lo lasciamo per il gran finale di questa nostra recensione.

Philips Momentum 329M1RV/00: Specifiche

Immagine/Schermo

Tipo di pannelloIPS
IlluminazioneW-LED
Dimensioni del pannello31.5” W (80 cm)
Rapporto proporzioni16 : 9
Dimensioni pixel0,181 (O) mm x 0,181 (V) mm
Luminosità500 cd/m²
Contrast Ratio (typ.)1000:1
Risoluzione ottimale3840 X 2160 @ 144Hz (HDMI/DP) | 3840 X 2160 @ 120Hz (USB C)
Angolo di visuale (tip.)178° (H) / 178° (V) a C/R > 10
Miglioramento dell’immagineSmartImage Game / SmartImage HDR
Frequenza di aggiornamento verticale48-144Hz (HDMI/DP) | 48-120Hz (USB C)
Frequenza orizzontale30-135KHz (HDMI) | 30-254KHz (DP/USB C)
sRGB
Gamma colore
SmartUniformity
Delta E
Modalità LowBlue
Colori dello schermo1,07G
Senza sfarfallio
HDRDisplayHDR™ 400 certificato VESA
AmbiglowSÌ (Ambiglow a 4 lati)
AMD FreeSync Premium

Connettività

Connettori1 x USB-C (modalità DisplayPort Alt, PD 65W), 1 x DisplayPort 1.4, 3 x HDMI, 2.1 (HDCP 2.2), 4 x USB-A, downstream con x2 carica rapida BC 1.2, 1 x USB-B (upstream), 1 x Uscita audio
Power DeliveryUSB-C: up to 65W (5V/3A, 7V/3A, 9V/3A, 10V/3A, 12V/3A, 15V/3A, 20V/3.25A) USB-A: x2 carica rapida BC 1.2, up to 7.5W (5V/1.5A)
Ingresso sincronizzazioneSincronia separata

Utilità

Altoparlante integrato5W x 2 con suono DTS
MultiViewModalità PBP (2 dispositivi)
Lingue OSDInglese, Tedesco, Spagnolo, Greco, Francese, Italiano, Ungherese, Olandese, Portoghese, Portoghese brasiliano, Polacco, Russo, Svedese, Finlandese, Turco, Ceco, Ucraino, Cinese semplificato, Cinese tradizionale, Giapponese, Coreano
Altre funzioni utiliSupporto VESA (100 x 100 mm),Sistema antifurto Kensington
Compatibilità Plug & PlayDDC/CI, sRGB, Windows 10/8.1/8/7, Mac OSX

Base

Inclinazione-5 / +15 degree
Rotazione-20 / +20 gradi
Regolazione dell’altezza130 mm
Perno (329M1RVE)-90 / +90 gradi

Struttura

Prodotto con base (LxHxP)715 x 596 x 297 mm (329M1RV) | 715 x 618 x 297 mm (329M1RVE)
Prodotto senza base (LxHxP)715 x 428 x 78 mm
Prodotto con la confezione(LxHxP)800 x 526 x 224 mm
Prodotto con base11,63 kg (329M1RV) | 11,71 kg (329M1RVE)
Prodotto senza base7,80 kg
Prodotto con la confezione16,67 kg (329M1RV) | 16,79 kg (329M1RVE)
ColoreNero
FinituraLucido / Superficie

Philips Momentum 329M1RV/00: Video

Philips Momentum 329M1RV/00: Design

Se vi ricordate la sua versione “ingrandita”, a livello estetico le cose non cambiano molto. L’unica enorme differenza sta nel suo essere versatile. Muoversi con un pannello di dimensioni contenute, con un’area effettiva di 697,344 (O) x 392,2344 (V) mm, permette il suo utilizzo in una molteplicità di contesti. Immaginate la figura di riferimento del momento in ambito videoludico, il creator, che passa dal gioco alla creazione di contenuti in diversi momenti della giornata. Il monitor Philips Momentum 329M1RV/00 è perfetto, se non fosse per l’unica nota amara data dell’assenza di un telecomando. Lo switching tra le sorgenti è, infatti, demandato allo stick presente sulla parte posteriore del monitor.

Il pannello presenta dei bordi quasi impercettibili vista la superficie opaca (25%) e antiriflesso. La tecnologia IPS gli permette un angolo di visione più che buono, nonostante le sue dimensioni siano contenute. Parliamo di 178º (O) / 178º (V), quasi un angolo piatto giusto per renderci conto. Numeri che con un 32” poco rilevano visto che si lavora, principalmente, vis-a-vis con il monitor. Restando in tema di “prospettive”, la base d’appoggio del monitor funge da cavalletto. In termini di stabilità, la forma a “T” la troviamo funzionalmente perfetta, anche se esteticamente non bella. In questo caso, però, l’utilità supera il gusto, questo ve lo possiamo assicurare. Lo schermo è regolabile in altezza (130mm max), con la possibilità di inclinare (-5°,+15°), ruotare (-20°,+20°), capovolgere (-90°,+90°) il pannello.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

La dimensione più contenuta lo rende sicuramente più gestibile in termini di posizionamento, sebbene dal punto di vista estetico non spicchi per le sue linee. Non vi è una scelta di colori apprezzabile, visto che il monitor viene distribuito in versione monocromatica. Il suo utilizzo, rispetto alla versione 55”, è rivolto più verso la produttività e il gaming. Il grande vantaggio, vista la presenza di ben 3 porte HDMI 2.1 e di una Display Port, è quello di poter collegare contemporaneamente tutti i dispositivi di gioco e uno dedicato ad altro senza dover sacrificare nulla in termini di prestazioni. E anche questo aspetto non è da dare per scontato.

Philips Momentum 329M1RV/00: Qualità immagine

Il pannello del monitor Philips Momentum 329M1RV/00 offre una risoluzione pari a 3840 x 2160px sia in HDMI 2.1 che in DP. Non vi sono differenze a livello di refresh rate dello schermo, visto e considerato che si possono raggiungere i 144Hz con entrambe le porte. È presto fatto trarre le fisiologiche conclusioni, ma la realtà è ben lontana da viaggiare su questi numeri. Al momento, titoli che viaggiano a 4K/144Hz, con dettagli elevati (e RayTracing attivo), sono pura fantascienza. Resta, però, un aspetto da tenere in considerazione, e per farlo facciamo parlare i numeri per noi (e fate caso alle risoluzioni/frequenze evidenziate):

Freq. oriz. (kHz)RisoluzioneFreq. vert. (Hz)
31.47720 x 40070.09
31.47640 x 48059.94
35.00640 x 48066.67
37.86640 x 48072.81
37.50640 x 48075.00
37.88800 x 60060.32
46.88800 x 60075.00
48.361024 x 76860.00
60.021024 x 76875.03
44.771280x 72059.86
63.891280 x 102460.02
Freq. oriz. (kHz)RisoluzioneFreq. vert. (Hz)
79.981280 x 102475.03
67.501920 x 108060.00
135.001920 x 1080120.00
133.291920×2160 (PBP)59.98
183.002560×1440120.00
67.503840 x 216030.00
112.503840 x 216050.00
135.003840 x 216060.00
266.653840 x 2160120.00
319.94 3840 x 2160 (HDMI/DP) 144.00
   

La tabella delle frequenze supportate è piuttosto lapalissiana. C’è poco da aggiungere, anche se permetteteci un piccolo appunto. Al momento in cui scriviamo la presente recensione, lo standard videoludico che supporta i 120fps, oscilla tra i 1440p e i 1800p. Questo significa che non troverete mai titoli – sempre su console di nuova generazione – che girano in 4K/120. Badate bene che, se muniti di cavo HDMI 2.1, tramite impostazione su OSD avete la possibilità di elevare il CAP della frequenza a 144Hz. Di questo aspetto ne riparleremo nella sezione dedicata al rapporto qualità/prezzo.

Luminosità (500 cd/m²) e contrasto (1000:1), se li confrontiamo con altri prodotti della stessa fascia, sono di tutto rispetto. Stesso discorso per quanto riguarda i colori, con DisplayHDR 400 certificato, uno spettro di colori di NTSC 113%, sRGB 124%, Adobe RGB 111% e un display in grado di offrire 1,07 miliardi di colori. Date un’occhiata alla nostra guida all’acquisto, giusto per rendervi conto.

Ricordiamoci che il pannello è pur sempre un IPS e che, come tale, rappresenta il punto mediano tra i TN e VA in termini di resa visiva e tempi di risposta. Con riferimento a questi ultimi, il Philips Momentum 329M1RV/00 va ben oltre le nostre aspettative. Parliamo di 1ms grigio-su-grigio, misurato con il metodo di misurazione MPRT. Questo valore acquista un significato con titoli del calibro di COD e con tutti quelli che hanno un framerate che suona il ritmo dei 120fps.  

Resta sempre l’incognita dell’Ambiglow, visto che si presentano le medesime problematiche riscontrate con il modello 55”. La funzione che gestisce le retro-illuminazione del monitor non riesce a creare delle transizioni armoniche e graduali se inserita la funzione “segui la scena.” Si assiste a dei bruschi cambi di colore che inficiano nella qualità della sessione di gioco. Nulla da rilevare se da dinamico si passa a statico.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

Philips Momentum 329M1RV/00: Caratteristiche

Tra le caratteristiche peculiari del monitor Philips Momentum 329M1RV/00 troviamo, al primo posto, tutto il sistema dedicato alla gestione del tempo di risposta. L’azienda olandese offre diverse strade per trovare le condizioni ideali di gioco, anche in virtù della tipologia e del genere del titolo trattato. A tal proposito, avete la possibilità di scegliere tra i preset, configurazione del MPRT e le impostazioni full-manual. Non conoscendo il vostro livello di preparazione, vi consigliamo di andare per gradi e trovare il profilo e le impostazioni a voi più consone. Poi, man mano che il feeling con il prodotto aumenta, tutto diverrà naturale.

Citando testualmente quanto indicato dal produtture sul manuale, la tecnologia SmartImage fornisce impostazioni predefinite che ottimizzano lo schermo per diversi tipi di contenuti, regolando dinamicamente luminosità, contrasto, colore e nitidezza in tempo reale. Che si lavori con applicazioni di testo, che si visualizzino immagini o che si guardi un video, Philips SmartImage fornisce prestazioni ottimizzate del monitor. In base allo scenario selezionato, SmartImage migliora dinamicamente contrasto, saturazione del colore e nitidezza delle immagini per migliorare i contenuti visualizzati – tutto in tempo reale ed alla pressione di un singolo tasto. Questa funzione si attiva direttamente da OSD, muovendo lo stick verso sinistra. Qui si possono scegliere tra i seguenti preset: Xbox, FPS, Racing (Corse), RTS, Gamer 1 (Giocatore 1), Gamer 2 (Giocatore 2), Movie (Film), Economy (Risparmio energetico), LowBlue Mode (Modalità LowBlue), SmartUniformity e Off (Disattiva).

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

In dettaglio:

  • FPS – Migliora i dettagli del livello del nero del tema scuro;
  • Racing (Corse) – Garantisce tempi di risposta più rapidi e una elevata saturazione del colore;
  • RTS: Per giochi RTS (Real Time Strategy);
  • Gamer 1 (Giocatore 1) e Gamer 2 (Giocatore 2) – impostazioni preconfigurate dall’utente;
  • Movie (Film) – Luminosità elevata, in base alla saturazione del colore, contrasto dinamico e nitidezza tagliente permettono di visualizzare tutti i dettagli delle aree scure dei video e delle aree luminose senza alcuno sbiadimento del colore, mantenendo valori dinamici naturali per fornire una avanzatissima visualizzazione video;
  • Economy (Risparmio energetico) – Con questo profilo, luminosità e contrasto sono regolate e l’illuminazione è regolata con precisione per la giusta visualizzazione quotidiana delle applicazioni Office ed un basso consumo energetico.
  • LowBlue Mode (Modalità LowBlue) – Modalità LowBlue per una produttività che non affatica gli occhi. Studi hanno dimostrato quanto i raggi ultravioletti possono danneggiare gli occhi; i raggi a onde corte di luce blu dei display a LED possono provocare danni e compromettere la vista nel tempo. Sviluppata per il benessere, la modalità LowBlue Philips utilizza una tecnologia software smart per ridurre la dannosa luce blu a onde corte;
  • SmartUniformity – Le fluttuazioni di luminosità su diverse parti dello schermo sono un fenomeno comune tra i monitor LCD. L’uniformità tipica viene misurata intorno al 75-80%. Attivando funzione Philips SmartUniformity, si aumenta l’uniformità di visualizzazione al di sopra del 95%. Ciò produce immagini più coerenti e veritiere.

Con SmartImage Philips intende mettere a disposizione dei suoi clienti un prodotto versatile, in grado di incontrare i gusti dei meno esperti e stuzzicare il languorino dei più smanettoni. Tutto va, ovviamente, saggiato sul campo, cosa che abbiamo fatto e a breve ne daremo riscontro. Prima di passare oltre, anche la tecnologia SmartContrast merita una giusta menzione. Questa funzione analizza dinamicamente i contenuti visualizzati ed ottimizza automaticamente il rapporto di contrasto del monitor per la massima chiarezza e piacevolezza visiva, aumentando l’illuminazione per immagini più chiare, luminose e nitide oppure diminuendola per la visualizzazione di immagini chiare su sfondi scuri.

Entrambe le funzioni sembrano molto interessanti ma vale sempre il discorso che “non potete avere tutto insieme”. Qualche compromesso lo dovete pur accettare, a metà tra il titolo e il vostro stile di gioco. Il full-auto può andar bene all’inizio ma poi rischia di essere controproducente, al punto da viziare il vostro giudizio generale in termini di prestazione.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

Philips Momentum 329M1RV/00: Prestazioni

Il luogo comune “i numeri stanno a zero”, quando si parla di prodotti high-tech ha sempre un suo perché. Figuriamoci, poi, quando si affronta la categoria “gaming”, dove la prova sul campo è fisiologica se non obbligatoria. Come nella “puntata precedente”, anche se siamo passati da 55” a 32”, il nostro modus operandi non cambia. Variano i titoli, anche per cavalcare l’onda del momento e immedesimarci con quello che state giocando. Il senso è sempre lo stesso: un test che traduce i numeri in esperienza. Alla fine è quella che paga, o meglio, quella che vi fa decidere se pagare o meno il prezzo per portarsi a casa il Philips Momentum 329M1RV/00.

La prova con Call of Duty Vanguard

Beh, con il ritorno del “Re” non potevamo esimerci dall’ennesima chiamata alle armi. Questa volta il conflitto è qualcosa che abbiamo già avuto modo di affrontare in passato, con la seconda guerra mondiale che torna di nuovamente in auge. In modalità competitiva conta solo la reattività, anche perché i 120hz meritano di essere sfruttati al meglio. Puntando tutto sul fattore MPRT siamo andati a scegliere il giusto compromesso tra tempi di risposta, luminosità, contrasto e colori. Dobbiamo, però, sottolineare un aspetto, che merita un giusto approfondimento. Lavorando sui parametri dell’MPRT i tempi di risposta migliorano sensibilmente, è questo bisogna darne atto. Si perde, invero, il controllo di tutto il resto, visto che l’AI del monitor concentra tutte le sue risorse per garantire un’ottima reattività. Il peggioramento della qualità grafica generale non è impercettibile, ma è un prezzo che dovete essere disposti a pagare se volete essere competitivi.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

La prova con Forza Horizon 5

Giusto per rendere giustizia alla partnership con Microsoft, parliamo di un’esclusiva “pesante”. Forti dell’ottimizzazione per console Xbox Series X non poteva che mancare una prova con Forza Horizon 5. Il SIMS “tutto arcade” ha approfittato del potenziale delle console di nuova generazione per sfoderare una grafica da urlo, con delle gare immerse in ambientazione da cartolina (e se non provate la photo-mode vi veniamo a cercare a casa). Qui la cosa da evitare è il famoso effetto scia, noto come “ghosting”, che rovina i momenti concitati e adrenalinici con fastidiosi impasti cromatici. Andando per gradi, il primo test lo abbiamo fatto con il preset automatico “Racing”, e poi siamo andati sul profilo “Xbox” già ottimizzato per la next-gen Microsoft. Entrambi hanno superato il test con il massimo dei voti, evitando fastidiosi – e non voluti – effetti grafici. Tra i due, però, il secondo profilo, quello “Xbox”, rende più giustizia alla fedeltà cromatica e forse un po’ meno ai tempi di risposta. Superflui in questo caso, visti i 60fps sempre “sul pezzo”.

La prova con Marvel’s Spider-Man Remastered

Ok, questa dovete concedercela, anche per via del nuovo capitolo della saga Spider-Man: No Way Home. In realtà è solo un pretesto, visto che volevamo provare come si comportava, con il monitor Philips, una delle esclusive Sony più importatanti degli ultimi anni. Marvel’s Spider-Man Remastered viaggia alla meraviglia su PS5, con la modalità RT Dinamico in grado di intervallare i 60fps all’attivazione del Ray Tracing in maniera del tutto automatica. Un automatismo che ha suscitato il nostro interesse, visto e considerato che era nostra intenzione testare il monitor Philips anche su PS5. Ebbene, per un action adventure pieno zeppo di sequenze spettacolari abbiamo utilizzato il profilo “Movie”, puntando ad enfatizzare i momenti del gioco. Probabilmente avevamo ancora la testa che pensava al film, e la speranza è quella che il nostro giudizio non sia stato folgorato dalle emozioni provate al cinema, resta il fatto che anche sulla nuova console di casa Sony, il Philips Momentum 329M1RV/00 si presenta in perfetta forma.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione

Philips Momentum 329M1RV/00: Prezzo

Al momento in cui scriviamo la presente recensione, il prezzo del Philips Momentum 329M1RV/00 si attesta intorno ai 1.300 euro. Se il periodo fosse diverso, potremmo anche avanzare una leggera perplessità, ma da quasi due anni il mondo della tecnologia sta vivendo una profonda crisi di riflesso rispetto all’attuale situazione pandemica.

La mancanza di materie prime, con i cicli di produzione ridotti all’osso per via di chiusure e quarantene, la “leggera perplessità” paventata prima svanisce con un colpo di spugna. Se lo confrontiamo con due nostre vecchie conoscenze, il GIGABYTE M32U e AOC AG324UX, competitor diretti rispetti alla fascia di mercato, il rapporto qualità/prezzo rende giustizia al Philips Momentum 329M1RV/00.

Il GIGABYTE M32U si dimostra più economico, visto che si trova a circa 400 euro in meno rispetto al 32” dell’azienda olandese, ma offre un pannello con una luminosità più bassa (350 vs 500 cd/m2) e un refresh rate bloccato sui 120Hz anche in HDMI 2.1. AOC AG324UX vanta, invece, una qualità costruttiva di assoluto rilievo, forte della sua esperienza nel mondo competitivo, e offre il suo prodotto a circa 300 euro in più rispetto al prodotto oggetto di recensione. Dati tecnici alla mano, però, le differenze non sembrano abissali.

Morale della favola, se avete intenzione di acquistare un monitor da gaming di fascia medio/alta il Philips Momentum 329M1RV/00 può essere una buona scelta con una console di nuova generazione. Come per il 55”, ci rendiamo conto che 1.300 euro non sono pochi, ma sono giusti. L’azienda olandese dimostra, anno dopo anno, una maturità sul fronte tecnologico che sembra sorridere di più al mondo del gaming su console, puntando su delle ibridazioni monitor/TV molto interessanti.

PHILIPS MOMENTUM 329M1RV recensione
Philips Momentum 329M1RV/00: Recensione
Conclusione
Le dimensioni si riducono ma la soddisfazione è cresce. L'ambiglow è ancora da migliorare ma per tutto il resto la qualità generale del prodotto è decisamente aumentata. Acquisto consigliato.
QUALITÀ COSTRUTTIVA
8.5
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO
8.5
PRESTAZIONI
9
QUALITÀ IMMAGINE
9
QUALITÀ SUONO
9
AFFIDABILITÀ
9
DESIGN
8
Voto dei lettori0 Votes
0
Ci piace
Angolo di visione perfetto
Qualità audio sublime
Luminosità e contrasto di rilievo
HDMI/DP entrambe in 4K/144Hz
Non ci piace
La funzione Ambiglow ancora è da migliorare
Design che incontra la praticità e meno l'estetica
Telecomando assente ma necessario
8.7
Voto
Vedi il prezzo