RAZER NARI ULTIMATE – RECENSIONE

8.4
Voto finale
Vedi il prezzo

Analizziamo l’ultima proposta di Razer nel mercato delle cuffie per gamers: Le Razer Nari Ultimate. Con Razer Hypersense e THX Spatial Audio, innovano o deludono? Quando Razer ha dichiarato che con il suo prossimo prodotto avrebbe offerto un’incredibile innovazione nel mercato delle cuffie da gaming, abbiamo reagito con scetticismo.

In seguito è bastata una settimana di test delle Razer Nari Ultimate, provando a pieno la tecnologia Razer Hypersense, perché il nostro scetticismo lasciasse spazio a grandi speranze per il futuro di questa nuova tecnologia.

In questo articolo Vi raccontiamo perché questa e molte altre caratteristiche rendono la gamma di prodotti Nari una delle grandi offerte in questa nostra nicchia delle “cuffie gaming”.

Se sei alla ricerca di cuffie da gaming ti consiglio di dare un’occhiata anche alle nostre guide sulle migliori cuffie gaming e le migliori cuffie ps4

cuffia gaming razer nari ultimate recensione

I giocatori ora avranno maggiore consapevolezza del loro ambiente di gioco.


RAZER.COM

RAZER NARI ULTIMATE: HYPERSENSE

Le Razer Nari Ultimate, sono dotate di Razer HyperSense, una tecnologia aptica intelligente sviluppata da Lofelt ™ che converte i segnali sonori in un feedback tattile sensoriale in tempo reale attraverso i padiglioni delle cuffie.

Razer HyperSense, raccoglie la forma e le frequenze dell’audio del gioco e le trasforma in effetti tattili ricchi e realistici. Le vibrazioni fluiscono con precisione da sinistra a destra e con intensità diverse, a seconda da dove provengono gli spunti audio nel gioco.

RAZER NARI ULTIMATE: DESIGN

La gamma Nari assomiglia molto alla Thresher Tournament Edition, con una chiara enfasi sul comfort rispetto all’estetica. La prima cosa che colpisce l’attenzione in queste nuove cuffie sono le dimensioni, che sono particolarmente generose soprattutto per quanto riguarda i padiglioni a causa della necessità di ospitare i motori Hypersense.

In ogni caso la dimensione non si traduce in un peso eccessivo, perché grazie alla fascia che unisce gli auricolari, il peso è distribuito perfettamente sulla nostra testa e non da fastidio, indipendentemente dalla durata della sessione di gioco.

Chi è alla ricerca di cuffie con una gran presa sulla testa potrebbe non sentirsi a proprio agio con le Nari perché, nonostante il fatto che la fascia sia comoda e facile da regolare, tende a non restare molto ferma e dovremo regolarla di tanto in tanto a seconda delle dimensioni della nostra testa.

Sulla fascia regolabile c’è una cover in alluminio che dà una sensazione di solidità al prodotto e risulta anche piacevole alla vista. Questa fascia produce un leggero rumore quando la regoliamo o muoviamo la testa, ma niente che possa dare fastidio durante il gioco.

COMODE MA NON ADATTE ALLE TESTE PIù PICCOLE

I padiglioni sono ricoperti di una pelle sintetica e riempiti con un gel di raffreddamento, questo fa si che quando mettiamo le cuffie per la prima volta durante il giorno risultino particolarmente fresche. Inoltre, per chi indossa gli occhiali è stato incluso un piccolo tunnel invisibile in ogni pad che ci permetterà di usarli con le cuffie senza alcun problema.

La cosa più notevole dei pad è il loro comfort, sono ben disegnati e la loro densità impedisce alle nostre orecchie di entrare in contatto diretto con la parte attiva degli auricolari.

Per la prima volta in un prodotto Razer troviamo non solo la rotellina del volume, ma anche quella per controllare il volume della chat vocale indipendentemente dal gioco. Sebbene nella nostra esperienza non ha funzionato con tutti i giochi che hanno la chat vocale, nella maggior parte delle applicazioni utilizzate a questo scopo come Steam o Discord funziona come dovrebbe.

Abbiamo anche un pulsante per silenziare il microfono, che si illumina di rosso quando è attivato. Tutti questi piccoli comfort sono accessibili abbastanza intuitivamente sul retro delle cuffie.

cuffia gaming razer nari ultimate recensione

RAZER NARI ULTIMATE: GAMING

Se sei mai stato a un concerto in cui il basso predomina e le potenti esplosioni degli amplificatori ti rimbalzano nello stomaco? allora sai qual’è la sensazione che Razer Hypersense produce.

Una serie di motori, creati in collaborazione con la compagnia tedesca Lofelt e situati su entrambi i lati delle cuffie, producono vibrazioni organiche basate sui suoni ricevuti. Ciò implica che, indipendentemente dal tipo d’intrattenimento di cui stiamo godendo, saremo in grado di sperimentare questa nuova tecnologia, rendendo impossibile l’incompatibilità verso di essa.

Quando troviamo qualcosa che funziona davvero bene con Hypersense, la sensazione è ottima. Durante la presentazione originale del prodotto, Razer ha offerto la possibilità di testarlo con DOOM, dal momento che non esiste nessun altro gioco sul mercato che dimostra meglio le possibilità di questa tecnologia.

Dal momento che la vibrazione è abbastanza efficace nel farti sentire da dove provengono i colpi o i passi, dovrebbe venire specialmente utile nei giochi competitivi. Sfortunatamente qui ci imbattiamo nel più grande problema di questa nuova tecnologia: poiché Hypersense rileva automaticamente il suono in riproduzione per generare la vibrazione, alcune voci particolarmente gravi sono insopportabili da ascoltare.

Non solo, i microfoni particolarmente sensibili, con l’attivazione di Hypersense, catturano cose come il contatto tra le labbra quando si parla, il che risulta abbastanza problematico quando si è in chat vocale. Pertanto, in qualsiasi gioco competitivo in cui dobbiamo conversare con i nostri compagni di squadra è sconsigliabile usare Hypersense mentre parliamo.

Razer Nari Ultimate wireless cuffie gaming

Per lo stesso motivo, non raccomanderemmo di usare Hypersense con i giochi ricchi di dialoghi, specialmente se la maggior parte dei personaggi ha una voce profonda.

Inoltre, giochi come Overwatch o Fortnite in cui ci possono essere molti suoni simultanei, a causa della natura della loro azione, sono molto difficili da giocare con Hypersense e possono essere così confusi che averlo attivato sarà controproducente per la maggior parte dei giocatori.

Fortunatamente, grazie al software Synapse 3, possiamo disattivare Hypersense in qualsiasi momento o adeguare la sua sensibilità al nostro gusto.

Non sono un fan di Razer riguardo alle cuffie da gaming, ma la qualità del suono ha fatto passi da gigante.

Quello che abbiamo scoperto spegnendo Hypersense è un grande passo in avanti per Razer quanto riguarda la qualità del suono delle sue cuffie, che risulta molto più bilanciato e chiaro rispetto al resto delle cuffie della compagnia.

Il risultato è un’incredibile chiarezza che ci consente di distinguere i suoni di cui abbiamo bisogno in qualsiasi momento. Possiamo dire senza dubbio che durante il test di queste cuffie, le nostre morti per non aver percepito i passi o un parapendio in Fortnite sono diminuite considerevolmente.

Immagine frontale razer nari

RAZER NARI ULTIMATE: THX SPATIAL AUDIO

Il THX Spatial Audio è una tecnologia di riproduzione audio surround grazie alla quale, ciascuno dei suoni creati dagli oggetti nel nostro gioco viene elaborato da un algoritmo che determina dove dovrebbe suonare per raggiungere correttamente le nostre orecchie e che riesce ad offrire una direzionalità maggiore rispetto a una cuffia a surround virtuale normale.

Il THX Spatial Audio offre prestazioni superiori rispetto al tradizionale audio surround simulando il suono in un campo circostante a 360°

razer.com

Se Hypersense aiuta a migliorare l’immersione nelle partite a giocatore singolo con momenti spettacolari, THX Spatial Audio è la caratteristica con cui le Nari contribuiranno a migliorare la nostra esperienza competitiva online.

cuffia gaming razer nari ultimate recensione

RAZER NARI ULTIMATE: MUSICA

Anche se la nostra esperienza principale con le cuffie è stata sui giochi, dobbiamo dire che producono un buon risultato anche con determinati generi di musica e tipi di film. Qualsiasi genere musicale in cui il basso e le percussioni siano protagonisti trarrà beneficio dal Hypersense, in grado di trasformare una breve sessione di Spotify in qualcosa di simile all’ascolto della musica in un locale dal vivo.

Anche i film d’azione con pochi dialoghi e molte esplosioni beneficiano di questa tecnologia che aumenta la sensazione di coinvolgimento.

RAZER NARI ULTIMATE: MICROFONO

Il microfono incluso nelle cuffie funziona bene per essere di tipo integrato. Per il prezzo che costano queste cuffie ottieni un microfono che spicca al momento di catturare la voce eliminando il rumore esterno. Non otterrai risultati migliori se non con prodotti più specializzati, ma dato il basso investimento risulta essere un microfono più che sufficiente per chat vocali o straming.

Il microfono è completamente ripiegabile ed è piuttosto invisibile quando lo teniamo chiuso mentre consente di posizionarlo esattamente dove desideriamo quando lo estendiamo.

cuffia gaming razer nari ultimate recensione

RAZER NARI ULTIMATE: ALTRE CARATTERISTICHE

Le Nari Ultimate possiedono anche la classica illuminazione Razer con 16.8 milioni di colori, anche se dal momento che non la vedremo mentre usiamo le cuffie, possiamo disattivarla senza problemi. La più grande utilità di questa funzione è dirci a occhio nudo se le nostre cuffie sono accese, ma per scopi pratici la maggior parte degli utenti preferisce lasciare disattivata questa funzione almeno nell’uso quotidiano, visto che consuma la batteria abbastanza velocemente.

Stiamo parlando di una differenza di 12 ore di autonomia se usiamo le cuffie con Hypersense e RGB acceso anziché come normali cuffie wireless. Senza l’illuminazione batteria dura circa 20 ore.

Le cuffie Nari Ultimate rappresentano un miglioramento definitivo della qualità di Razer, sia nel design che nella qualità del suono.

Altrettanto lodevole è il fatto che non abbiamo notato alcun ritardo durante l’utilizzo della conessione wireless, tant’è che non abbiamo sentito la necessitá di usare il cavo in nessun momento. La tecnologia wireless utilizzata è praticamente impeccabile e staremmo semplicemente mentendo se dicessimo di aver notato qualche differenza rispetto all’uso con cavo.

Una volta collegato l’USB incluso con le cuffie, il processo di connessione al computer in modalità wireless è estremamente semplice.

vista laterale cuffia gaming razer nari ultimate recensione

RAZER NARI ULTIMATE: CONCLUSIONE

Le cuffie Nari Ultimate rappresentano un miglioramento definitivo della qualità di Razer, sia nel design che nella qualità del suono, e lo dice uno che non è mai stato un fan di razer nel settore cuffie da gaming. Chiaramente Razer ha fatto un considerevole sforzo per creare un prodotto di qualità con il quale esibire la sua nuova tecnologia Hypersense e, a nostro avviso, hanno raggiunto il loro obiettivo.

In caso non foste convinti delle Razer Nari Ultimate, vi consiglio di leggervi queste guide dove potrete trovare soluzioni alternative:

LE MIGLIORI CUFFIE GAMING 

LE MIGLIORI CUFFIE PS4

RAZER NARI ULTIMATE: DOVE COMPRARLE

Ultimo aggiornamento 2019-09-22

RIPRODUZIONE GIOCHI9
RIPRODUZIONE MUSICA8.5
MICROFONO8.5
COMODITÀ9
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO8
RECENSIONI CLIENTI7.2
Voto dei lettori6 Votes6.6
Ci piace
Comode
Hypersense
Buon wireless
Non ci piace
Microfono non all'altezza del prezzo
Audio migliorabile
La necessità di rivedere le impostazioni ogni tanto
8.4
Voto finale
Conclusione
Forse il suo suono non è il migliore sul mercato, ma se consideriamo l’offerta completa, tra le innumerevoli caratteristiche e innovazioni o semplicemente perché sono confortevoli, è difficile non raccomandare queste cuffie. Speriamo che questa sia la via da seguire per Razer d'ora in poi.
Vedi il prezzo