Condividi

DESIGN

La struttura della Poseidon Z RGB é, letteralmente, la stessa che troviamo nella versione precedente Poseidon Z. Materiali plastici di buona qualitá e switches Kailh, la differenza questa volta è che abbiamo la retroilluminazione LED multicolori o RGB potendo così personalizzare a nostro piacimento l’illuminazione con 16.8 milioni di colori.
É nella sua struttura che troviamo gli unici punti deboli della Poseidon Z RGB. Si sente la mancanza del poggia polsi, soprattutto i gamers, necessitano avere almeno una zona di appoggio per la zona WASD. Inoltre, il cavo che collega la tastiera con il PC, di gomma e senza nessuna protezione addizionale, è vulnerabile a qualsiasi strappo, considerando anche che manca una qualsiasi protezione all’entrata del cavo sulla base della tastiera.
Un altra cosa di cui sentiamo la mancanza è la presenza di un HUB USB che è ormai un classico sulle tastiere meccaniche anche di prezzo inferiore.

LAYOUT

Il layout è di tipo 104-key standard, che viene completato da un ulteriore pulsante per disabilitare i tasti Windows. Anche per quanto riguarda I tasti multimedia, Tt eSPORT fa riferimento a una configurazione classica usando I tasti funzione F1-F12 in combinazione con il tasto Fn, così come l’attivazione dei differenti profili identificati dai tasti P1-P5.
Sul display panel, situato nell’angolo in alto a destra, oltre al tipico indicatore Numlock e Capslock, troverete la notifica sullo status del menzionato pulsante di disattivazione dei tasti Windows, l’ N-key rollover e il profilo selezionato.

Switch TT Esport poseidon rgb recensione SWITCH

 

A differenza della maggioranza delle tastiere meccaniche sul mercato, che montano switch Cherry MX, la Tt eSPORTS ha optato in questo modello per switches Kailh, che risultano leggermente più economici ma di discreta qualità. La poseidon viene prodotta in due versioni che si differenziano per il modello degli switches, una versione monta gli switches blue, uno switch che offre un feedback tattile ed acustico con un pronunciato click che avverte dell’avvenuta pressione del tasto, mentre l’altro modello monta gli switches brown, uno switch silenzioso ma che offre un feedback tattile.

 

FUNZIONI ED ILLUMINAZIONE

Dal punto di vista delle funzionalità, la Poseidon Z RGB é alimentata da una sola porta USB ed è compatibile con qualsiasi sistema, visto che non utilizza drivers proprietari. Senza dubbio, se volessimo configurare l’illuminazione o configurare macro salvandole in qualcuno dei 5 profili disponibili, dipenderemo da un software che funziona solo con Windows.
Parlando di macros, la Poseidon Z RGB possiede la capacità di registrare macros nei suoi 102 tasti (esclusi I tasti Fn e Super o Windows), qualcosa di veramente utile per molti gamers e inoltre, per i giocatori veterani, la Poseidon Z RGB é equipaggiata con la possibilità di registrare macros al volo.

SOFTWARE
Recensione tastiera meccanica tt esport

Dal lato dell’illuminazione, Tt eSPORTS ci fornisce un software relativamente completo per editare le configurazioni di illuminazione dandoci la possibilità di crearne qualcuna o semplicemente caricare quelle già presenti in dotazione con la tastiera.
Sempre attraverso il software in dotazione è possibile configurare e assegnare le macro ai 5 differenti profili, ognuno dei quali configurabili in modo normal o gaming, assegnando ad ognuno dei 102 tasti funzioni dalle più semplici alle più complicate. Questo trasforma la Poseidon Z RGB una vera bestia al momento di programmare complicate macro che ci aiuteranno nel preciso momento del bisogno.

PRESTAZIONI

Dal punto di vista del rendimento in applicazioni office, come molti di noi già sanno, non esiste cosa più gradevole che scrivere con una tastiera meccanica e pertanto diventa un piacere scrivere lunghe porzioni di testo senza alcun problema. L’unica cosa negativa che possiamo segnalare, come già detto in precedenza, è la mancanza del poggia polsi, che a molti potrebbe risultare scomoda al momento di scrivere per lunghi istanti.
In giochi FPS come Battlefield, Counter Strike o Left 4 Dead, la tastiera si comporta egregiamente in relazione alla risposta ai tasti e al movimento del personaggio. Purtroppo, così come nelle applicazioni da ufficio, si sente la mancanza del poggia polsi, soprattutto quando si utilizza l’area WASD della tastiera.
Dal punto di vista dei giochi RPG, non si evidenzia nessun tipo di blocco di tasti ne fastidio alcuno. Il sistema N-Key rollover situato nei 104 tasti funziona alla perfezione.
Riassumendo, il rendimento nei videogiochi, così come nelle applicazioni da ufficio, è quello sperato per una tastiera meccanica di alto livello.

RASSEGNA PANORAMICA
QUALITA' PULSANTI
84 %
ERGONOMIA
76 %
PRESTAZIONI
90 %
QUALITA' MATERIALI
85 %
SOFTWARE
80 %
RAPPORTO QUALITA' PREZZO
90 %
Condividi
Articolo precedenteMIRAGE ARCANE WARFARE – ANTEPRIMA – L’ARENA FPS SPLATTER DA MILLE E UNA NOTTE
Prossimo articoloSTEELSERIES ARCTIS 5 – RECENSIONE

Caduto nel mondo dei videogiochi in tenera età grazie ad un Commodore 64, prosegue la sua carriera da nerd su console sino ai 18 anni dove si butta a testa bassa in America’s Army 2, arrivando a giocare per alcuni clan in varie competizioni internazionali. Dopo l’esperienza su AA presegue la sua carriera nei MMO fino ad innamorasi nuovamente il giorno che incontrò Darkfall e da allora aspetta il suo erede. La carriera di giocatore è sempre stata accompagnata da una certa mania nella ricerca e sperimentazione di nuove periferiche da gaming.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Inserisci il tuo nome qui