Condividi

SamuTale e' un mmo sandbox open world survival con housing, costruzione villaggi, agricoltura ed allevamento, full-loot PvP, piante e alberi che crescono in tempo reale, crafting e molto altro!; Prelude games Factory

Cosi ci presenta il suo gioiellino in fase di sviluppo MapleMedia, casa di produzione digitale canadese. Il gioco è ancora in fase alfa, ma si propone già di essere un ottimo titolo per tutti gli amanti degli MMORPG. Per chi volesse gettarsi subito nel gameplay, ci si può registrare per provare il videogioco in anteprima cliccando qui.

Sandbox pvp Full Loot Samu tale by Gamers Arsenal

Samu Tale è un sandbox open world multiplayer. Che cosa significa? Che in Samu Tale il giocatore dovrà collaborare e competere con altri utenti, per costruire case e villaggi, procacciarsi il cibo, combattere i nemici ed espandere la propria potenza. Una particolarità di Samu Tale, che lo differenzia da molti altri titoli sandbox, è la totale assenza di limiti delle zone in cui si può costruire. Al purista questo non stupirà, ma negli ultimi anni quanti titoli proclamati sandobx non si sono poi rivelati tali? L’intento degli sviluppatori è quello di “lasciare libero il giocatore di decidere cosa costruire e dove farlo”.

Costruisci il tuo villaggio dove vuoi e preparati a difenderlo se non vuoi diventare il supermarket degli altri clan!

In Samu Tale non manca di certo l’azione: un sistema di combattimento interessante attende tutti coloro che si lanceranno nell’avventura dell’alfa. I combattimenti sono “hack and slash”, dovremo quindi indirizzare manualmente la nostra arma contro il nemico. Ciò permette di ridurre il fattore fortuna e di incentrare il gameplay maggiormente sulle abilità dei giocatori, che dovranno darsi da fare per padroneggiare il sistema al meglio.

Sandbox pvp Full Loot Samu tale by Gamers Arsenal

L’aspetto collaborativo è e sarà essenziale per la progressione di gioco, MapleMedia sta cercando di dare importanza ad i clan con l’obiettivo di rendere l’esperienza di gioco piu’ stimolante e duratura, per fare questo non si avvale solo dell-aspetto PvP o PvE ma anche al commercio come si e’ gia’ visto nei famosissimi Clash Of Clans e Clash Royale, che basano quasi la totalità dell’esperienza sullo scambio efficiente di risorse con altri membri della propria squadra.

In Samu Tale, i clan lavorano assieme per costruire mura, raccogliere risorse per creare armi ed armature, coltivare verdura per non morire di fame e formare alleanze per conquistare la terra di Kushiro.

Ma non disperate lupi solitari, entrare in un Clan non sara’ obbligatorio, come ogni buon gioco Sandbox PvP Full Loot potrete guadagnarvi da vivere alle spalle dei poveri farmer, che si spezzeranno la schiena per riempirvi le tasche….

Sandbox pvp Full Loot Samu tale by Gamers Arsenal

Un ulteriore punto a favore per Samu Tale, sembra essere l’economia. Infatti, nella maggior parte degli altri MMORPG, lo scambio di risorse ed oggetti tra i giocatori è molto limitato. MapleMedia sembra voler andare proprio nella direzione opposta, affermando di “voler dare ai giocatori quanta più libertà possibile”. Una volta che il gioco sarà completato, sarà possibile scambiare qualsiasi oggetto senza alcuna limitazione. Questo va certamente contro il concetto di “character bounded”, ovvero l’impossibilità di trasferire oggetti da un personaggio all’altro in quanto essi sono vincolati ad un determinato tipo di player. Da una dinamica di scambio così libera, non ci si può aspettare altro che lo sviluppo di una intricata rete di relazioni tra i players, dove conterà anche la diplomazia degli utenti, oltre che al loro livello.

Sandbox pvp Full Loot Samu tale by Gamers Arsenal

L’economia totalmente libera si collega ad un altro punto estremamente interessante: l’assenza di classi. Ora, il concetto di classe è sempre presente negli MMORPG classici ed è uno dei pilastri portanti del genere. Non essendoci delle categorie predefinite, ogni giocatore potrà sviluppare il proprio personaggio in base a propri gusti, specializzandosi in determinati ruoli all’intero di un clan e ottenendo oggetti caratteristici attraverso l’ampio mercato. Insomma, è il giocatore che fa il personaggio e non il contrario.

Per prima cosa, con il progresso del gioco si delineeranno comunque dei ruoli e ciò favorirà la collaborazione non forzata degli utenti. In secondo luogo, la possibilità di essere ciò che si vuole, senza vincoli esterni, non è forse ciò che si ricerca in ogni Sandbox open world?

RASSEGNA PANORAMICA
HYPE-O-METER
70 %
Condividi
Articolo precedenteSEDIA GAMING LE MIGLIORI – AUTUNNO 2017
Prossimo articoloMORTAL ONLINE – STARVAULT ANNUNCIA IL NUOVO SISTEMA DI HOUSING
Caduto nel mondo dei videogiochi in tenera età grazie ad un Commodore 64, prosegue la sua carriera da nerd su console sino ai 18 anni dove si butta a testa bassa in America's Army 2, arrivando a giocare per alcuni clan in varie competizioni internazionali. Dopo l'esperienza su AA presegue la sua carriera nei MMO fino ad innamorasi nuovamente il giorno che incontrò Darkfall e da allora aspetta il suo erede. La carriera di giocatore è sempre stata accompagnata da una certa mania nella ricerca e sperimentazione di nuove periferiche da gaming.

2 Commenti

Lascia un commento

Scrivi un commento
Inserisci il tuo nome qui

Richiesto